Gallina ovaiola livornese bianca | TuttoSulleGalline.it
Alimentazione per Galline ovaiole e animali da cortile | Raggio di Sole

La gallina livornese bianca (Livorno bianca), la gallina ruspante e rustica per eccellenza, è così chiamata perché si è diffusa in tutto il mondo proprio a partire dal porto di Livorno in Toscana (esportata soprattutto verso l’America, la si può definire a tutti gli effetti una “gallina made in Tuscany”).

Più piccola di altre razze avicole ma caratterizzata da veloce crescita e rusticità, è in grado di deporre una notevole quantità di uova in un anno, ed è proprio per questa ragione che si è così tanto diffusa anche all’estero come una tra le migliori galline ovaiole del pianeta.

Pollai Domestici da Giardino e Accessori per Galline | Omlet

Gallina Livornese bianca: l’origine del nome

Gallo e galline di razza Livornese (colorazione bianca) rappresentati su una vecchia stampa d'epoca
Gallo e galline di razza Livornese (colorazione bianca) rappresentati su una vecchia stampa d’epoca

Si ritiene che i primi esemplari di razza Livorno arrivarono in America nel 1828 o nel 1829, ma molti dettagli di questo “storico evento” (almeno per il mondo avicolo) vennero registrati per scritto solo molti anni dopo, da persone che a quel tempo erano già molto anziane e che forse non ricordarono così chiaramente ogni dettaglio. Questi primi esemplari di razza Livorno erano probabilmente in una miscela di varietà di colori.
Il sig. N.P. Ward di New York fu registrato come il primo importatore specifico di “Brown Leghorns” nel 1834. Ne allevò alcuni e ne vendette altri ad amici, tra cui Mr J.C.C. Thompson di Staten Island, un luogo piuttosto rurale negli anni Trenta dell’Ottocento.
Il signor Thompson ne fu così impressionato che ne ordinò un’altra importazione al Capitano Gates, della nave Mystic River, che approdò nel Connecticut nel 1852 e successivamente 1853.
Il signor F. J. Kinney di Worcester, Massachusets, ne acquistò tre esemplari da una nave nel porto di Boston nel giugno del 1853, esemplari che furono il fondamento di una varietà che egli perfezionò nei successivi venti anni. All’inizio erano molto diversi nei colori del piumaggio e molti avevano i lobi delle orecchie rosse. I primi esemplari di “White Leghorn” erano anche in realtà molto lontani dal “candido bianco come la neve” che noi oggi tutti conosciamo; la maggior parte di essi era infatti “ottonata” e con piume stranamente colorate.

[Tradotto da Popular Poultry Breeds, di David Scrivener – Capitolo 17, "Leghorn/Italiener”]

Lo sviluppo delle razze dei polli ha conosciuto un forte incremento proprio a partire dal 1800, e la codifica degli standard delle oltre 180 razze avicole riconosciute, parte proprio dai primi anni del XIX° secolo. Le galline livornesi arrivarono in America proprio durante questo “fermento culturale”, e lì suscitarono l’attenzione degli allevatori che attribuirono loro il nome inglesizzato di “Leghorn”.

La razza livornese fu accolta con entusiasmo anche in Gran Bretagna, tanto che nel 1876 nacque il “Leghorn Club”, il primo club di razza avicola della storia.  Dopo questo primo club altri ne sono stati fondati un po’ in tutto il mondo e tutti operanti nell’ambito della protezione e diffusione della gallina ovaiola livornese. Molto attivo il club olandese, che organizza convention annuali e pubblica tre volte all’anno una rivista dal titolo “De Livorno” (che, è bene precisare, è il “de” latino e non il “dé” dialettale livornese); questo club gestisce il sito web www.leghorn.nl.

Gallina Livornese: le peculiarità di questa razza ovaiola

La gallina livornese ha iniziato il suo percorso di “conquista del mondo” anche per la sua bellezza. Nel Novembre 2015 il lavoro e la passione degli allevatori italiani per questa razza sono stati coronati con la vittoria del primo premio nell’ambito del trofeo europeo della mostra avicola di Metz in Francia (ha vinto il gallo di nome “Arnaldo” dell’allevatore Ugo Cavagnini).

Nel 2016 nasce un Club dedicato alla razza Livorno anche nella città labronica

Ugo Cavagnini con il suo gallo Livorno Campione Europeo
Ugo Cavagnini con il suo gallo di razza Livorno Arnaldo

La città di Livorno è molto orgogliosa dell’identità culturale della Gallina Livornese, tant’è che a Giugno 2016 si è tenuto il primo convegno dal titolo Orgoglio e identità culturale della Gallina Livornese”, con l’obiettivo di divulgare la biodiversità della razza avicola autoctona che porta il nome della città. A Novembre 2017 si è poi tenuto il secondo convegno, intitolato “Gallina Livornese days”, organizzato dalla neo-nata “Associazione Associazione Tutela e Valorizzazione della Gallina Livornese”. A sconfessare la rinomata rivalità tra Livorno e la vicina città di Pisa è l’Università di Pisa, che possiede un allevamento per la conservazione genetica della gallina livornese.

T-shirt Leghorn Chicken realizzate da TuttoSulleGalline in occasione del convegno sulla gallina livornese tenutosi a Livorno
Le t-shirt della linea Leghorn Chicken di Tutto Sulle Galline presentate in occasione del 2° Convegno sulla razza Livorno.

Gallina Livornese: comportamento e deposizione

Le galline livornesi sono molto attive e hanno un carattere vivace; si trovano per la maggior parte del tempo della giornata a raspare la terra in cerca di cibo (sono un po’ il simbolo della gallina ruspante).

Per vivere bene devono essere allevate all’aria aperta (in batteria hanno una vita piuttosto corta e diventano nervose e insofferenti tanto da beccarsi le une con le altre).

Pollastre ruspanti di razza Livorno bianca
Pollastre ruspanti di razza Livorno bianca.

Non mangiano molto e sono splendide raccoglitrici e cacciatrici di insetti e vermi. Possono resistere ai climi freddi continuando a deporre uova. Sono anche resistenti alle temperature elevate. Sono estremamente prolifiche (anche se hanno scarsa tendenza alla cova e difficilmente diventano chiocce), ed è proprio questa loro capacità di deporre un alto numero di uova che le rende di alto valore e ambite anche per i pollai domestici e familiari, realizzati nella stragrande maggioranza dei casi per l’autoconsumo di uova fresche e genuine.

La gallina Livornese può raggiungere deposizioni medie annuali assai elevate (280 uova), con punte di 300-320.
Questa caratteristica ha determinato addirittura l’operazione “gallo miglioratore”, voluta nel 1930 dal Ministero dell’Agricoltura, che dispose la distribuzione di galli Livorno bianchi (detti appunto “galli miglioratori”) in tutti gli allevamenti rurali d’Italia, allo scopo di migliorare la produzione di uova nelle “figlie” delle galline locali (e l’azione miglioratrice ebbe successo, perché la produzione di uova delle figlie delle galline locali si elevò con una media del 51,4%).

Esemplari di galline razza Livorno Collo oro ruspanti
Esemplari di razza Livorno Collo oro ruspanti.

La maggior parte della produzione totale di uova americane proviene da questa specifica razza. I giovani pulcini sono molto precoci e le loro piume crescono molto rapidamente. Si adattano a quasi tutti i tipi di terreno e, a differenza di altre razze avicole più sensibili, le galline Livorno razzolano molto agevolmente anche su terreni dal fondo umido, bagnato e anche un poco fangoso.

Galli e galline di razza Livorno (colorazione blu)
Galli e galline di razza Livorno (colorazione blu).

Gallina Livornese bianca: le uova

Le uova di gallina livornese sono di colore bianco, medie e grandi. Sono particolarmente proteiche, identificabili per il tuorlo dal giallo molto intenso. Sono perfette per preparare la crema pasticcera e anche la pasta all’uovo perché il colore della crema e della pasta risulta molto intenso.

La struttura proteica presente in queste uova consente di incorporare addirittura tre volte più aria rispetto ad altre tipologie di uova, e per questa ragione sono le più indicate per ottenere composti che necessitano di albumi montati a neve ben sodi, ma anche per fare un’ottima maionese fatta in casa, cremosa e soffice.

Le uova dal guscio bianco tipiche della gallina Livornese.
Le uova dal guscio bianco tipiche della gallina Livornese.

Gallina Livornese: estetica e fama

La razza livornese viene allevata talvolta anche come gallina ornamentale, dal momento che le sue caratteristiche estetiche la rendono particolarmente bella da vedere. Ha un corpo affusolato e leggero dalla forma snella ed elegante, che viene mascherata da un piumaggio folto che le fa sembrare decisamente più in carne.

La bellezza della gallina Livornese bianca
La bellezza della gallina Livornese bianca (non solo ottima ovaiola, ma anche gallina ornamentale).

Il gallo ha un peso di circa 2,4 – 2,7 Kg e la gallina di circa 2,0 – 2,3 Kg. E’ alta sui tarsi e ha il collo portato eretto e leggermente arcuato, che gli conferisce un’aria vivace e sempre all’erta. Le coda è ampia e il suo piumaggio fluente.

La grande notorietà e l’orgoglio del gallo livornese bianco, ha avuto eco anche nei cartoni animati e di recente nella moda. Il famoso gallo Foghorn Leghorn è stato creato dalla Warner Bros nella serie “Looney Tunes” e poi è stato ripreso dallo stilita Moschino, che ha lanciato una  serie di maglie e magliette riproducendo immagini del gallo Foghorn Leghorn.

Foghorn Leghorn (gallo bianco di razza Livorno) nella serie Looney Tunes della Warner Bros.
Foghorn Leghorn nella serie Looney Tunes della Warner Bros.

Gallina Livornese: lo standard italiano FIAV

La gallina livornese non è però solo bianca; la varietà bianca è quella originale poiché è stata lungamente selezionata per migliorare la produzione delle uova.

stampa che ritrae un gallo di razza Livorno collo argento

In Italia gli standard di galline livornesi prevedono dieci diverse colorazioni ma, in altri paesi, le tonalità accettate sono anche di più. La bianca maculata di nero è l’ultima che è stata fatta entrare nello standard italiano. La varietà Livorno nera, che in Italia paese non ha riscosso un grande successo, è una delle più apprezzate negli Stati Uniti. La “Livorno collo argento” è una varietà inglese poco conosciuta in Italia. La varietà “Livorno fulva” è frutto di numerosi incroci effettuati nei paesi del nord Europa.

Per il nostro pollaio è forse utile sapere che la “Livorno collo oro” e “Livorno collo Arancio” è solitamente scelta da chi la alleva per produrre uova per uso domestico.

Sono di seguito riportate tutte le specifiche e tutte le varietà riconosciute dallo standard italiano, così come risultano nell’elenco della FIAV (barrata; bianca; bianca columbia nera; blu; collo arancio; collo argento; collo oro; collo oro binaca; fulva; nera):

Standard Italiano delle razze Avicole

I – GENERALITÀ

Peso minimo: g. 55
Colore del guscio: bianco.

Anello Gallo : mm. 18
Anello Gallina : mm. 16

II – TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER LA SELEZIONE
Pollo con tipologia mediterranea, snello, vivace e vigoroso, portamento elegante ed armonioso nelle proporzioni. Mantenere l’impennamento e la crescita veloce, la buona deposizione e la non attitudine alla cova.

III – STANDARD
Aspetto generale e caratteristiche della razza

1- FORMA
Tronco: piuttosto snello, cilindrico e mediamente lungo, largo alle spalle si assottiglia e si inclina leggermente verso la coda.
Testa: di media grandezza e leggermente allungata.
Becco: di media lunghezza, leggermente ricurvo. Di colore giallo, ammesse tracce nerastre sul culmine specialmente nelle colorazioni blu e nera.
Occhi: grandi, molto vivaci. Iride rosso/arancio.
Cresta: semplice, rossa, ben sviluppata e ben dritta nel gallo. Cinque denti abbastanza profondi, regolarmente formati, larghi alla base; eccetto il primo gli altri di uguale altezza e larghezza; posizionati radiali all’occhio. Il lobo, ben formato, segue la linea della nuca senza avvicinarsi troppo.
Nella gallina la cresta è elegantemente ripiegata dopo il secondo dente senza coprire l’ occhio.
Bargigli: ovali, ben arrotondati nella parte inferiore, di media lunghezza e dalla tessitura fine, rossi.
Faccia: rossa, liscia, senza peluria.
Orecchioni: ovali, di media grandezza, lisci e ben aderenti alla faccia. Da bianco avorio a bianco crema.
Collo: di media lunghezza, portato eretto con abbondante mantellina che ricade sulle spalle.
Spalle: larghe e ben arrotondate.
Dorso: mediamente lungo, dritto, largo fra le spalle, si restringe verso la coda: nel gallo leggermente discendente, nella gallina quasi orizzontale. Passaggio dorso/coda armonioso e senza bruschi angoli. Lancette della groppa del gallo ben sviluppate.
Ali: larghe e forti, portate orizzontali e ben aderenti al corpo.
Coda: grande, abbondantemente impiumata, portata aperta e mediamente alta con un angolo, rispetto alla linea del dorso, di 55/60° nel gallo e 40/45° nella gallina. Piccole e grandi falciformi abbondanti, ben sviluppate ed arrotondate.
Petto: pieno, largo e prominente.
Zampe: gambe di media lunghezza, forti, nettamente distinte dal tronco, specialmente nel gallo; tarsi gialli, piuttosto lunghi, fini, senza piume. Quattro dita.
Ventre: ben sviluppato ed arrotondato, specialmente nella gallina.
Pelle: gialla.

2 – PESI
GALLO : Kg. 2,4 – 2,7
GALLINA : Kg. 2,0 – 2,3

Difetti gravi: Presenza di colpo di pollice o comunque cresta non ben formata; cresta piegata nel gallo e dritta nella gallina; denti privi della forma richiesta. Bargigli a farfalla, troppo lunghi o con pieghe sia orizzontali che verticali. Presenza di bianco sulla faccia. Orecchioni giallo intenso o macchiati di rosso. Petto piatto; dorso del gallo troppo orizzontale o corto; coda portata troppo bassa o troppo alta; gambe poco evidenti.

3 – PIUMAGGIO
Conformazione:
Ben aderente al corpo senza formazione di cuscinetti ai lati della groppa.Piume larghe. In tutte le colorazioni piumaggio brillante e ricco di riflessi.

IV – COLORAZIONI

  • BARRATA
  • BIANCA
  • BLU
  • COLLO ARANCIO
  • COLLO ARGENTO
  • COLLO ORO
  • FULVA
  • NERA
  • COLLO ORO BIANCO
  • BIANCA COLUMBIA NERO

(Se volete continuare la lettura dello Standard Ufficiale FIAV per la Gallina Livornese Bianca vi invitiamo a scaricare il documento in pdf).

Galli razza Livorno in colorazione nera
Galli razza Livorno in colorazione nera.
Gallo e galline razza Livorno collo oro.
Gallo e galline razza Livorno collo oro.
Gallo razza Livorno collo arancio
Gallo razza Livorno collo arancio.
Pollaio con gallo e galline di razza Livornese bianca
Pollaio con gallo e galline di razza Livornese bianca.

Video galline (e gallo) livornesi… “domestici”!

Abbiamo parlato in tutto l’articolo della razza Livorno come di una razza avicola amante degli spazi aperti, della vita rustica di campagna; ecco allora, per finire, un paio di video che ci raccontano anche di un aspetto più “domestico” di queste galline (e galli), felici anche in ambiente più casalingo! 🙂

5 Commenti

  1. Salve oggi 28/11/2017 è arrivato il freddo …..mi sono accorta che una delle mie galline bianche gli si è rimpicciolita e schiarita moltissimo la cresta,”la gallinella è giovane ha appena cominciato a fare le uova”, dipende dal clima invernale?

    • Buonasera Poldo, pensiamo proprio di si, che questo mutamento nella cresta (e forse un po’ anche nei bargigli?) dipenda dal freddo. Cresta (e bargigli) sono zone molto sensibili al freddo e in alcuni casi rischiano anche il congelamento, soprattutto in razze avicole che li hanno molto sviluppati.
      Un rimedio naturale e fai-da-te per proteggerli può essere quello, durante il riposo notturno, di ungerli con della vasellina o dell’olio dell’oliva.
      Per approfondire su come gestire galline e pollaio durante l’inverno le suggeriamo la lettura anche di questo nostro articolo dedicato espressamente a questo problema: Come gestire galline e pollaio durante il freddo dell’inverno.
      Grazie, un cordiale saluto e buona giornata. (E in caso ci faccia sapere se ci sono ulteriori sviluppi.) A presto.

  2. Buon giorno, ho acquistato una bella gallina livornese, purtroppo a camminato sotto un furgoncino e ne uscita sporca di grasso nero, come posso lavarla e quali prodotti usare?
    Ringrazio e porgo cordiali saluti,
    Renzo

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome