Che differenza c'è tra gallo, pollo e gallina? | Tuttosullegalline.it
Alimentazione per Galline ovaiole e animali da cortile | Raggio di Sole

Che differenza c’è tra gallo, pollo e gallina?
E’ una domanda che, prima o poi, in tanti ci poniamo, ma alla quale alla fine in pochi sanno dare una risposta davvero certa e precisa.
Questa differente denominazione tra gallo, pollo, gallina, pulcinopollastra, chioccia e cappone si basa essenzialmente su due precisi aspetti dell’animale, ovvero l’età e il sesso, ed è in base a questi che l’interrogativo iniziale può trovare le sue risposte certe.

Non è ovviamente una domanda ontologica e profondamente esistenziale come la celebre “è nato prima l’uovo o la gallina?” (a cui comunque è già stata data una risposta nell’articolo: “E’ nato prima l’uovo o la gallina? L’uovo!”), ma è comunque un quesito molto interessante, al quale è bene saper fornire una corretta risposta, sia per cultura personale, sia e soprattutto perché potrà tornarvi molto utile allorché vogliate acquistare degli esemplari avicoli (ad esempio delle ottime galline ovaiole presso i “nostri” allevatori).

Pollai Domestici da Giardino e Accessori per Galline | Omlet

Gallina: origine e descrizione dell’animale

Gallina, origine e caratteristiche dell'animale
Esemplare di gallina comune (gallina ovaiola Isa Brown)

Se spesso ci poniamo la fatidica domanda “Che differenza c’è tra gallina, gallo e pollo?”, è perché in molti casi e contesti più diversi, per semplificare il discorso (o il messaggio) si fa riferimento in modo generico alla “gallina” come rappresentante unica della “specie avicola” tout-court, cosa che, come vedremo a breve in dettaglio, non sta affatto così.

Prima allora di passare ad esaminare tutte le varie denominazioni corrette degli avicoli in base all’età e al sesso, vediamo di fare innanzitutto chiarezza su che cosa si debba intendere nel mondo animale per gallina.

Gallina: specie, alimentazione, aspettativa di vita e comportamento

La gallina (specie: gallus gallus; sottospecie: gallus gallus domesticus) è un volatile domestico di origine orientale allevato dall’uomo da millenni per gli scopi più diversi (uova, cibo, compagnia, ornamento, ecc.). La gallina è un animale onnivoro che, in situazione di vita in libertà, ama razzolare il terreno in cerca di semi, erbe, lombrichi, vermetti, insetti, e simili. La gallina di solito ingurgita anche dei piccoli sassolini che aiutano il suo “stomaco trituratore” a sminuzzare e digerire il cibo. La gallina ha perso la capacità di compiere lunghi voli (al massimo qualche decina di metri) e a seconda della razza può arrivare a deporre anche 300 uova in un anno e vivere fino a circa 10/12 anni.

La gallina è un animale sociale che, in un gruppo, si colloca in base ad una ben precisa gerarchia “di beccata”, gerarchia che deve ricostituirsi ogni qualvolta esemplari anziani vengono a mancare o nuovi esemplari fanno il loro ingresso nel gruppo (vedi: Come inserire nuove galline in un pollaio già esistente).
La gallina emette il classico verso del “chiocciare” ma non è certamente l’unico; per ogni situazione c’è un verso preciso e potete approfondire l’argomento leggendo questo articolo: i tanti versi nel pollaio.
La caratteristica più evidente della gallina è la deposizione delle uova e se nel pollaio è presente anche un gallo atto alla riproduzione, allora, con molta probabilità, le uova saranno anche fertili, ovvero, se covate dalla gallina (chioccia), daranno alla luce dei bellissimi pulcini.

Gallina: alcuni approfondimenti tematici

Su questo sito abbiamo trattato molti argomenti inerenti la gallina, e quindi di seguito segnaliamo, per chi fosse interessato, la lettura dei seguenti approfondimenti tematici:

Adesso che abbiamo fatto un po’ di chiarezza sull’origine e l’etologia della gallina, possiamo passare con maggior consapevolezza a rispondere alla domanda iniziale di questo articolo: “Che differenza c’è tra gallo, pollo e gallina?”

Denominazione corretta degli avicoli in base all’età e al sesso

Ecco di seguito tutte le varie denominazioni corrette per indicare gli avicoli in base all’età e al sesso dell’esemplare (considerando che orientativamente la vita media di questi animali oscilla tra i 5 e gli 11 anni).

Pulcino

Sesso: il pulcino può essere maschio o femmina (molto difficile determinarne il sesso; si può tentare con una pratica denominata appunto sessaggio dei pulcini, ma si deve avere una certa esperienza in materia).
Età: da 0 a 7 giorni circa.
Caratteristiche: hanno una ridotta peluria che pian piano tende a diventare un batuffolo di piume soffici (il temine deriva dal termine latino pullicenus diminutivo di pullus).

Pulcino (pulcino Marans appena schiuso)
Pulcino (pulcino Marans appena schiuso)

Pulcinotto

Sesso: può essere maschio o femmina (molto difficile determinarne il sesso).
Età: da 8 a 40 giorni circa.
Caratteristiche: il piumaggio comincia a caratterizzarsi (è un diminutivo del termine pulcino).

Pulcinotto
Pulcinotto

Pollo o pollastro

Sesso: maschio (difficile determinarne il sesso; spesso polli e pollastre si confondono).
Età: da 41 giorni circa fino all’età riproduttiva (è il gallo giovane che ancora non ha raggiunto la maturità sessuale).
Caratteristiche: solitamente arriva ad avere un peso fino a 1,5 kg (tutte le denominazioni pollastrino, pollastrello, pollastrone sono diminutivi e accrescitivi che si riferiscono comunque al pollo o pollastro rispettivamente piccolo, snello, grande). Il termine deriva dal latino barb. “pullastrum-am” da “pullus” con terminazione indicante inferiorità.

Pollastra

Sesso: femmina (difficile determinarne il sesso; spesso polli e pollastre si confondono).
Età: da 41 giorni fino all’età riproduttiva (è la gallina giovane che ancora non ha raggiunto la maturità sessuale).
Caratteristiche: solitamente arriva ad avere un peso fino a 1,5 kg (tutte le denominazioni pollastrina, pollastrella, pollastrona sono diminutivi e accrescitivi che si riferiscono comunque alla pollastra rispettivamente piccola, snella, grande). Il termine deriva dal latino barb. “pullastrum-am” da “pullus” con terminazione indicante inferiorità.

Pollastra
Pollastra (pollastra ibrida a tarsi verdi – Photo by: Dr. Elio Corti www.summagallicana.it)

Gallina

Sesso: femmina.
Età: a partire dall’età di inizio della carriera riproduttiva (adulto della pollastra).
Caratteristiche: se trattasi di gallina ovaiola, inizia a deporre le uova attorno al 5°/6° mese di età.

Gallina (esemplare di gallina ovaiola Ancona)
Gallina (nello specifico, in foto, gallina ovaiola di razza Ancona)

Chioccia

Sesso: femmina.
Età: a partire dall’età di inizio della carriera riproduttiva (adulto della pollastra).
Caratteristiche: chioccia è la denominazione che viene attribuita alla gallina quando cova le uova fino alla schiusa con la nascita dei pulcini; età di almeno 6/7 mesi.

Chioccia (chioccia Orpington, gallina in fase di cova)
Chioccia (chioccia Orpington, gallina in fase di cova)

Pollanca

Sesso: femmina sterilizzata mediante l’asportazione dell’ovaia prima che inizi a deporre le uova.
Età: a partire dal periodo antecedente l’inizio di deposizione delle uova.
Caratteristiche: come il cappone, è così destinata all’ingrasso.

Galletto

Sesso: maschio.
Età: a partire dall’età di inizio della carriera riproduttiva fino a circa 6 mesi.
Caratteristiche: è il maschio del pollo (o pollastro) nell’età più giovane.

Gallo ruspante

Sesso: maschio.
Età: a partire da 6 fino a circa 10 mesi.
Caratteristiche: è il maschio del pollo (o pollastro) nell’età intermedia.

Gallo

Sesso: maschio.
Età: a partire da circa 10 mesi (età in cui la carriera riproduttiva è al top della maturità sessuale).
Caratteristiche: è il maschio del pollo (o pollastro) dalla maturità sessuale.

Gallo
Gallo

Cappone

Sesso: maschio castrato all’età di circa due mesi.
Età: dai 2 mesi in poi.
Caratteristiche: arriva fino a circa 2,5/3 kg (come la pollanca è così destinato all’ingrasso).

Modalità per distinguere il sesso di pulcini, polli, pollastri e pollastre

I termini pollo, pollastro e pollastra (“pullus gallinaceus”) derivano tutti dal termine latino “pullus” (che significa “piccolo animale”, nel senso di giovane animale appena nato, e che in botanica è allo stesso modo utilizzato per indicare i “polloni” e i germogli delle piante).

L’età del nostro avicolo è ancora tale per cui non c’è stato un completo sviluppo sessuale ed è quindi ancora difficile individuare con certezza se tra alcuni mesi avremo nel pollaio nuove galline o nuovi galli. Se si ha un po’ di esperienza con l’allevamento degli avicoli è però possibile provare ad effettuare il sessaggio dei pulcini.

Gallo e gallina
Gallo e gallina (Ardennesi collo oro)

In alternativa al “sessaggio” potremmo provare a portare la nostra attenzione ad altri dettagli indicatori; li riportiamo qui di seguito facendo una sintesi di quelli indicati sul portale Wiki How:

  1. Prestare attenzione ai colori di base = è un metodo che funziona abbastanza bene nel caso in cui la razza allevata sia tale da evidenziare nette distinzioni tra maschio e femmina (dimorfismo sessuale), quali ad esempio il differente numero di colori di base, la presenza di macchie sulla cresta o bargigli solo sull’uno o l’altro sesso (o macchie sul piumaggio della testa) e la differente striatura del piumaggio che già all’età di polli e pollastre potrebbe apparire differente;
  2. Prestare attenzione alla velocità di crescita del piumaggio = è un metodo che funziona bene tra soggetti della stessa “covata”, in cui è possibile osservare, già a partire dalla prima settimana, che le piume delle femmine crescono più velocemente delle piume dei galli;
  3. Prestare attenzione al colore della cresta = ai polli e alle pollastre di molte razze comincerà a crescere la cresta dopo circa un mese dalla nascita (già da pulcinotti) e, mentre nei maschi inizierà ad assumere una tinta rossastra, nelle femmine sarà ancora di colore gialla;
  4. Prestare attenzione alle dimensioni = sempre a parità di razza, i galletti sono normalmente più grandi delle femmine già a partire da qualche settimana di vita, e solitamente i galletti hanno anche le gambe più lunghe;
  5. Prestare attenzione alla forma della testa = i maschi hanno teste con angoli chiaramente visibili (più spigolosi e grandi) mentre le femmine hanno teste piccine e rotonde;
  6. Prestare attenzione al diverso temperamento =  infine, un metodo empirico: entra nel pollaio e fingi di starnutire; mentre i maschi resteranno sul posto, le femmine probabilmente scapperanno in ogni direzione!
Pollastre
Pollastre (pollastre Barnevelder argento)

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome