Barnevelder, la bella gallina ovaiola di razza olandese | TuttoSulleGalline.it
Alimentazione per Galline ovaiole e animali da cortile | Raggio di Sole

La Barnevelder è una gallina ovaiola di razza medio-pesante, dall’aspetto robusto ma slanciato; è molto forte e affidabile ed è una buona razza adatta all’allevatore alle prime armi. Sono di indole docile e tranquilla, adatte a vivere in un recinto e sono anche ottimi animali da compagnia, quindi perfette per i pollai da giardino. Non sono buone volatrici.

La Barnevelder è molto soggetta al morbo di Marek, per cui va vaccinata contro questa malattia dal primo giorno di nascita. I pulcini sono gialli, con piume nere che crescono lentamente e solo in un secondo momento. Le galline di questa razza olandese spesso hanno l’istinto di cova e ciò le rende docili e buone chiocce.

Gallina ovaiola olandese di razza Barnevelder

Pollai Domestici da Giardino e Accessori per Galline | Omlet

Gallina ovaiola Barnevelder: le origini

La Barnevelder prende il nome dalla città olandese di Barnevelder, che si trova a 50 km a sud-ovest di Amsterdam. Questo era il centro di produzione di uova dell’Olanda nei primi anni del XX secolo. E’ molto diffusa nel paese di origine e non troppo all’estero; è stata ottenuta incrociando razze asiatiche (Langhan, Brahama e Cocincina) con razze locali. La Barnevelder ha gli occhi arancione brillante, le zampe pulite e gialle e il becco giallo.

La rappresentazione della gallina ovaiola Barnevelder perfetta (opera Van Gink)
La rappresentazione della Barnevelder perfetta (opera Van Gink)

Sono caratterizzate da una testa larga con cresta non molto grande, diritta, semplice a 4-6 punte; becco abbastanza lungo e occhio con iride rosso; addome e dorso larghi; coda media e zampe gialle. Il peso medio delle galline Barnevelder è 3 kg e dei galli 3,5 kg.

Alcuni esemplari di gallina ovaiola Barnevelder

 

Gallina ovaiola Barnevelder: il piumaggio

La varietà di colore più diffusa della gallina Barnevelder è quella a doppia orlatura con due anelli neri dai riflessi verdi su sfondo marrone noce (la doppia orlatura è presente in pochissime razze).
Il piumaggio è molto affascinante, specie quando l’orlatura è stretta (nelle esposizioni di pollame gli esemplari di razza Barnevelder si aggiudicano spesso i primi premi).

Premi e riconoscimenti per la gallina ovaiola Barnevelder

Galline ovaiole barnevelder olandesi allo stato libero

 

 

Gallina ovaiola Barnevelder: le uova

Le galline ovaiole Barnevelder depongono circa 200 uova all’anno (sono buone ovaiole, purché il loro peso sia tenuto sotto controllo; sono infatti avicoli molto pigri e dunque è consigliato allevarli all’aperto, per tenerli in esercizio il più possibile).
Il guscio dell’uovo è di color marrone caramello e sono uova di grosse dimensioni.

Alcune Barnevelder depongono uova più chiare di quelle marroni caramello per cui la razza è rinomata; se possibile dunque, evitate questa varietà, perché il caratteristico colore delle uova è sinonimo di una buona gallina Barnevelder.

Bellissime uova di gallina ovaiola Barnevelder

 

La Barnevelder nello standard italiano FIAV

Standard FIAV razze avicole

Sono di seguito riportate tutte le specifiche e le caratteristiche della razza Barnevelder così come riconosciute dallo standard italiano e nelle varianti di colorazione come risultano nell’elenco della FIAV (bruna a doppia orlatura blu, bruna a doppia orlatura nera, bruna scura, nera, bianca, blu):

I – GENERALITÀ
Origine
Olanda.

Uovo
Peso minimo g. 60
Colore del guscio: bruno scuro.

Anello
Gallo : 20
Gallina : 18

II – TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER LA SELEZIONE
Pollo grande e possente e di media altezza; corpo largo; temperamento vivace e fiero.

III – STANDARD
Aspetto generale e caratteristiche della razza

1- FORMA
Tronco: largo e profondo con linee armoniose; portamento orizzontale; proporzione della lunghezza con la profondità 3 : 2.
Testa: di larghezza media e abbastanza larga.
Becco: corto, forte e ben ricurvo;giallo che sfuma a color corno verso la punta, con culmine scuro; giallo nella varietà bianca.
Occhi: vivaci; iride rosso arancio.
Cresta: semplice, di media grandezza; tessitura fine; 4 fino a 6 denti; il lobo segue la linea della nuca senza appoggiarvisi.
Bargigli: di media lunghezza; ben arrotondati e di tessitura fine.
Faccia: di tessitura fine e senza piume; rossa.
Orecchioni: di lunghezza media e allungati; rossi.
Collo: di una buona media lunghezza; mantellina abbondante che ricade sulle spalle.
Spalle: larghe.
Dorso: di media lunghezza; largo; il punto più basso della linea del dorso è situato appena dietro il collo, poi rimonta verso la groppa, prima leggermente e poi più fortemente risale fino all’estremità della coda. Groppa larga, piena e senza cuscinetti.
Ali: chiuse, portate ben aderenti e orizzontali.
Coda: di media lunghezza; larga all’attaccatura e leggermente aperta e quasi di larghezza costante; molte falciformi larghe. Nella gallina a base larga con numerose timoniere e copritrici.
Petto: profondo, largo e ben arrotondato; poco prominente.
Zampe: gambe forti e ben visibili. Tarsi di media lunghezza e di ossatura fine; ben divaricati; gialli, nella gallina leggere sfumature scure tollerate, salvo nella varietà bianca. Quattro dita di media lunghezza e ben allargate.
Ventre: largo e ben sviluppato; più sviluppato nella gallina.

2 – PESI
GALLO : Kg. 3,0 – 3,5
GALLINA : Kg. 2,5 – 2.75

Difetti gravi:
Corpo che manca di larghezza e profondità; linea del dorso lunga, stretta, piatta o bombata; petto stretto o appuntito; piumaggio troppo gonfio; coda troppo piatta o troppo rilevata; portamento basso, troppo rialzato o troppo stretto; presenza di piumette ai tarsi; cresta troppo grande; bianco negli orecchioni.

3 – PIUMAGGIO
Conformazione: ben aderente al corpo; il più largo, ricco lucido possibile.

IV – COLORAZIONI

BRUNA A DOPPIA ORLATURA BLU
Il colore di fondo risulta più chiaro a causa dell’azione del gene “Bl”. Disegno identico alla varietà bruna doppia orlatura nera, con un blu piccione di media intensità al posto del nero. Nel gallo la mantellina,la groppa, il dorso, le spalle, piccole copritrici delle ali, così come nella mantellina della gallina il blu assume una tonalità tendente al nero vellutato. L’orlo esterno della gallina è da tollerare leggermente più scuro di quello interno.

Difetti Gravi: stessi difetti di disegno che per la varietà bruna a doppia orlatura nera; blu troppo scuro o troppo chiaro; blu fuligginoso o mescolato a ruggine; nero al posto del blu; riflessi verdi; bruno argilloso o paglia o fortemente irregolare nella tonalità; tracce farinose; tarsi con sfumatura fortemente scura.

BRUNA A DOPPIA ORLATURA NERA
Gallo
Testa bruna. Penne della mantellina e della groppa con orlatura nera a riflessi verde brillante e parte centrale color castagna; da preferire un disegno a doppia orlatura. Parte anteriore del collo, petto, ventre e gambe nero con riflessi nero brillante; nel petto ammessa la presenza di piume con tracce brune che formano un disegno lungo il rachide. Fianchi neri con disegno bruno. Dorso, spalle e piccole copritrici delle ali color bruno scuro con doppia orlatura nera a riflessi verdi. Grandi copritrici delle ali, che formano le fasce, nere a riflessi versi; lieve disegno ammesso. Remiganti primarie nere con stretta orlatura bruna nelle barbe esterne. Remiganti secondarie con barbe interne nere e barbe esterne color castagna che formano il triangolo dell’ala bruno quando l’ala è chiusa. Coda nera con falciformi a forti rilessi verdi.
Gallina
Testa nera. Mantellina nero brillante con disegno color castagna nel centro della penna ammesso nella parte inferiore. Piumaggio del mantello e petto color castagna con doppia orlatura nera a riflessi verdi che segue la forma della penna, orlo esterno nero. Doppia orlatura nera augurabile nel piumaggio delle gambe e dei fianchi. Piumaggio anale nero. Remiganti primarie nere mischiate a bruno. Remiganti secondarie color castagna, con disegno nero. Copritrici della coda preferibili con disegno a doppia orlatura, ammesso leggermente impreciso e con leggera pepatura.Timoniere nere, tracce brune ammesse.

Difetti Gravi
Gallo: troppo o troppo poco bruno nella mantellina o nella groppa; petto con forte presenza di disegno; bianco nella coda.
Gallina: bruno visibile all’esterno nella parte alta della mantellina;gola rossa; doppia orlatura difettosa; orlatura semplice; pepatura nera nel bruno del piumaggio.
Nei due sessi: nero opaco, assenza di riflessi verdi o riflessi viola; color di bruno troppo chiaro o fortemente irregolare nella tonalità; tracce farinose; tarsi molto scuri o verdastri.

BRUNA SCURA
Gallo e Gallina
Colore di fondo bruno scuro. La tonalità deve corrispondere al colore del disegno della varietà bruna doppia orlatura nera. Mantellina con disegno nero a forma di fiamme all’estremità delle lanceolate. Ricercare la forma di gocce nere nella gallina. Remiganti primarie nere mischiate di bruno. Remiganti secondarie brune con poco nero nelle barbe interne. Coda nera con riflessi verdi. Leggere tracce brune ammesse nelle timoniere. Piumino bruno, ammesso grigio.

Difetti Gravi: colore di fondo troppo scuro, troppo chiaro o fortemente irregolare; tracce nere nel mantello. Disegno della mantellina che sale verso l’alto nelle lanceolate; disegno nella groppa del gallo; tracce farinose.

NERA
Nero intenso con riflessi verde brillante. Piumino del gallo che diventa bianco verso la base.
Difetti Gravi: piumaggio opaco, senza riflessi; tracce viola;bruno nel piumaggio;bianco visibile nelle falciformi del gallo; tracce farinose.

BIANCA
Bianco crema fino a bianco argento.
Difetti Gravi: piume di altro colore; riflessi gialli.

BLU
Colore di fondo blu piccione di media intensità, uniforme il più possibile senza orlatura (leggere differenze di tonalità nel colore di fondo sono provvisoriamente tollerate). Testa, mantellina, groppa, dorso e piccole copritrici delle ali del gallo sono blu scuro fino a blu nero. Mantellina della gallina di un blu più scuro del mantello. Piumino grigio blu chiaro. Nella gallina leggere sfumature verdastre nei tarsi tollerate.

Difetti Gravi: blu marmorizzato, troppo chiaro, troppo scuro o fuligginoso; ruggine; riflessi verdi nelle parti più scure del gallo o bianco nella coda dei giovani galli; forti tracce farinose; colore dei tarsi troppo verde o troppo scuro.

Video di galline Barnevelder

E per finire alcuni video dedicati alle bellissime galline Barnevelder.
In questo primo un tenerissimo “quadretto” in cui uno splendido esemplare di gallina Barnevelder si prende cura dei suoi pulcini! 🙂

Qui sotto, un video in cui sentiamo una gallina Barnevelder fare le fusa

Infine tre stupendi esemplari di galline Barnevelder che razzolano all’aperto.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome