Pastella (con e senza uovo) per fritti perfetti | Tuttosullegalline.it
Alimentazione per Galline ovaiole e animali da cortile | Raggio di Sole

Tra le ricette con le uova non possono certamente mancare quelle riguardanti le pastelle all’uovo, declinate in tutte le loro versioni più o meno light e anche più o meno vivaci di colore.

La pastella, nella sua versione più “minimalista”, è il solo composto di farina e acqua e, magari, ci dedicheremo a quella nei giorni in cui non avremo a disposizione le uova fresche e genuine delle nostre galline ovaiole… cosa che durante l’arco di un anno è possibile che accada!
Oggi purtroppo siamo abituati ad avere tutto e sempre a disposizione nei “supermarket” e abbiamo perso il gusto ad apprezzare la presenza e l’assenza, anche di un “semplice ingrediente” come l’uovo.

Uova fresche con cui preparare la pastella

Chi ha la fortuna di poter disporre di un proprio pollaio domestico o di fare rifornimento presso piccoli produttori e/o allevatori avicoli di fiducia, certamente avrà sperimentato periodi di scarsa disponibilità di uova, soprattutto durante il periodo invernale (quando le poche ore di luce inibiscono nelle galline la deposizione). Ci piace pensare che sia una stagionalità naturale da rispettare e da assecondare, e quindi, ecco di seguito tutte le ricette della pastella all’uovo in varie versioni, tra cui anche quella… senz’uovo!

Piccolo pollaio domestico per autoconsumo di uova
Piccolo pollaio domestico per autoconsumo di uova.
Pollai Domestici da Giardino e Accessori per Galline | Omlet

Pastella senza uovo (croccante, leggera e bianca)

Questo tipo di pastella molto delicata potrebbe essere utilizzata ad esempio per la frittura di fiori (dai più particolari fiori edibili, come il fiore di sambuco, al classico fiore di zucchino fritto).

Fiori di sambuco fritti in pastella
Fiori di sambuco fritti in pastella.

Ingredienti

100 gr farina “00”

100 ml acqua frizzante freddissima

Preparazione

Mettiamo la farina setacciata (importante setacciarla!) in una ciotola e, mescolando con una frusta elettrica, la amalgamiamo all’acqua frizzante che aggiungiamo pian piano a filo. Il composto dovrà risultare liscio e senza grumi (nel caso in cui risultasse troppo liquido aggiungiamo un cucchiaio di farina e nel caso fosse troppo denso aggiungiamo a filo un po’ d’acqua). Utilizzarlo subito per impastellare o mantenerlo freddo in frigorifero in una ciotola coperta.

Pastella con 1 solo albume (croccantissima, delicata e dal colore tenue)

Fiori di zucca in pastella fritti.

Anche questo tipo di pastella, molto delicata e croccante, potrebbe essere utilizzata per la frittura di fiori (dai più particolari fiori edibili, come il fiore di sambuco, al classico fiore di zucchino fritto).

Ingredienti

100 gr di farina “00”

100 ml di acqua frizzante freddissima

1 albume di uovo “del nostro paniere”

Preparazione

In una ciotola, sbattiamo l’albume e l’acqua con una frusta elettrica finché il composto non inizia a schiumare. Aggiungiamo poi la farina, incorporandola fino ad ottenere un composto omogeneo e cremoso. Il composto dovrà risultare liscio e senza grumi (nel caso in cui risultasse troppo liquido aggiungiamo un cucchiaio di farina e nel caso fosse troppo denso aggiungiamo a filo un po’ d’acqua). Utilizzarlo per impastellare dopo averlo fatto riposare per almeno 10 minuti in frigorifero in una ciotola coperta.
(Come in tutte quelle ricette che prevedono l’utilizzo del solo albume, potete utilizzare il tuorlo per fare ad esempio uno zabaione o una pasta alla carbonara.)

Pastella con 1 albume e 1 uovo intero (corposa, saporita e dal colore vivace)

Ananas fritto in pastella
Ananas fritto in pastella.

Questo tipo di pastella, molto gustosa e croccante, potrebbe essere ideale per la frittura di pezzi di frutta (quali mele, pere, banane, ananas, limone, ecc.).

Ingredienti

50 gr farina “00”

100 ml di acqua frizzante freddissima

1 albume di uovo “del nostro paniere”

1 uovo “del nostro paniere”

1 cucchiaio di olio e.v.o.

Preparazione

In una ciotola sbattiamo l’albume, l’uovo, l’acqua e l’olio con una frusta elettrica finché il composto non risulta omogeneo. Aggiungiamo poi la farina, incorporandola fino ad ottenere un composto omogeneo e cremoso. Il composto dovrà risultare liscio e senza grumi (nel caso in cui risultasse troppo liquido aggiungiamo un cucchiaio di farina e nel caso fosse troppo denso aggiungiamo a filo un po’ d’acqua). Utilizzarlo per impastellare dopo averlo fatto riposare per almeno 10 minuti in frigorifero in una ciotola coperta.

Pastella con 2 uova intere (corposa, saporita e dal colore accentuato)

Anelli di cipolla impastellati e fritti
Anelli di cipolla impastellati e fritti.

Questo tipo di pastella, molto gustosa e croccante e dal colore accentuato, potrebbe essere utilizzata per la frittura di verdure affettate (quali zucchine, carote, cipolle, rape, patate, cavolfiore, ecc.).

Ingredienti

50 gr farina “00”

2 uova “del nostro paniere”

Preparazione

In una ciotola sbattiamo le 2 uova intere con una frusta elettrica. Aggiungiamo poi la farina, incorporandola fino ad ottenere un composto omogeneo e cremoso. Il composto dovrà risultare liscio e senza grumi (nel caso in cui risultasse troppo liquido aggiungiamo un cucchiaio di farina). Utilizzarlo per impastellare dopo averlo fatto riposare per almeno 10 minuti in frigorifero in una ciotola coperta.

Consigli per l’utilizzo di ogni tipo di pastella

Pastella all'uovo: ricette (varie) per fritti perfetti | Tuttosullegalline.it

Ecco di seguito alcuni consigli generali finali sull’utilizzo della pastella all’uovo:

1) è importante che la pastella sia molto fredda nel momento in cui andremo ad impastellare e friggere; infatti, in tal modo, otterremo quello shock termico tra pastella fredda e olio bollente necessario a creare quella crosticina di rivestimento che manterrà croccante e non troppo oleoso l’alimento da friggere;

2) all’acqua frizzante fredda può essere sostituita una birra fredda;

3) alla farina “00” può essere sostituita la farina di riso (il sapore risulterà leggermente diverso, ma la pastella sarà ancora più croccante e senza glutine);

4) l’alimento da friggere dovrà essere immerso e ben avvolto nella pastella e prima di immergerlo nell’olio bollente dovremo prestare attenzione a far colare la parte di pastella in eccesso;

5) il miglior olio da utilizzare per friggere è l’olio di arachidi e dovrà essere ben caldo (potete utilizzare qualche piccola goccia di pastella per valutare il raggiungimento della giusta temperatura dell’olio);

6) utilizzare una padella o un tegame della giusta dimensione e profondità, in funzione dell’alimento da friggere;

Tegamino profondo per friggere
Tegamino profondo (ideale ad esempio per cuocere polpette o altro alimento di misura consistente).
Padella in alluminio per fritture
Classica padella in alluminio per fritture di alimenti di taglia piccola (ad esempio una julienne di verdure)

7) nel caso di frittura salata: il sale deve essere sempre utilizzato solo dopo aver estratto gli alimenti dall’olio (a garanzia della croccantezza del nostro fritto).

E voi come realizzate la vostra pastella? E che tecniche utilizzate per ottenere un fritto eccellente, croccante e asciutto? Raccontatecelo nei commenti!

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome