La Casa delle galline livornesi al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno | Tuttosullegalline.it
Alimentazione per Galline ovaiole e animali da cortile | Raggio di Sole

Non è certo un caso che questa iniziativa pionieristica avvenga proprio nella città di Livorno, città dal cui porto, la gallina di razza Livorno salpò a metà del 1800 circa, per conquistarsi in pochi anni, oltre oceano, l’attenzione e il favore degli allevatori avicoli americani, diffondendosi poi in tutto il mondo e diventando universalmente nota come gallina livornese.

E non è certo un caso se tale iniziativa è stata fortemente voluta proprio dal Club Italiano Razza Livorno che dal 2017 (anno della sua costituzione, avvenuta proprio nella città di Livorno), con un lavoro encomiabile, sta tentando di restituire al territorio labronico la conoscenza di questo animale, simbolo e ambasciatore della “livornesità” nel mondo.

La speranza, comunque, è che questa esperienza, partita come è giusto che sia da Livorno, trovi terreno fertile per essere replicata in altre zone d’Italia (anche ovviamente con altre razze autoctone del posto), divulgando così il più possibile la corretta cultura avicola e fungendo da concreto esempio della possibilità dell’allevamento di poche galline in ambito urbano, all’interno di giardini e cortili, grazie alla realizzazione di un piccolo pollaio domestico e familiare.

Tale iniziativa infatti, non può che essere inserita in quello che viene definito da alcuni anni (soprattutto nel mondo anglosassone e franco-canadese), il “backyard chicken movement”, ovvero quel fenomeno culturale e di benessere incentrato sul riavvicinamento della gallina (animale domestico per eccellenza) alle moderne “domus”, anche in ottica prosumatrice, ovvero di produzione e consumo (in tante fantastiche ricette!) delle uova genuine deposte dalle “galline felici” così allevate.

il pollaio, casa delle galline livornesi

Con questa iniziativa, il Club Italiano Razza Livorno e il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo realizzano un vero e proprio progetto pilota di innovativa modalità di conservazione e tutela della razza; un esempio che anche altri Club di razza ci auguriamo che possano seguire.

Pollai Domestici da Giardino e Accessori per Galline | Omlet

La casa delle galline livornesi

La casa delle galline livornesi pronta per l'inaugurazione
La “casa delle galline livornesi” pronta per l’inaugurazione.

La “Casa delle galline livornesi” è ubicata all’interno del parco di Villa Henderson, dove ha sede il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo.

Residenti nella casa saranno 3 galline di razza Livorno (anno di nascita 2017) provenienti dal “Podere Le Querciole” del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa, e il gallo Renato (anno di nascita 2017; fuggito ad un allevatore in occasione del III° Convegno Gallina Livornese, svoltosi a Novembre 2018, e da allora già felicemente accasato e libero nel parco del museo).

Il gallo Renato in attesa delle tre nuove galline
Il gallo “Renato” … in attesa delle tre nuove arrivate.

Il “contratto di locazione” (una convenzione di durata triennale) è stato sottoscritto e firmato tra il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo e il Club Italiano Razza Livorno.

La firma della convenzione tra Club Italiano Razza Livorno (Dott. Corrado Minazza) e il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo (Dott.ssa Anna Roselli)
La firma della convenzione tra Club Italiano Razza Livorno (Dott. Corrado Minazza) e il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo (Dott.ssa Anna Roselli).

Francesco Falleni (avicoltore iscritto al Club Italiano Razza Livorno) si è occupato del montaggio del pollaio in legno “Modello Livorno” (con annessi accessori, quali mangiatoia a pedale e abbeveratoio) gentilmente donato dall’azienda Il Verde Mondo.

Iuri Simoncini si occuperà, con il resto dello staff del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo, della cura quotidiana degli animali, dalla gestione di acqua e mangime, alla cura del posatoio e del nido … fino alla raccolta delle preziose uova.

Il mangime, per almeno i prossimi 3 anni, sarà fornito gratuitamente da Raggio di Sole, che fornirà per l’allevamento il Nostrale Becco d’Oro, assicurando loro un’alimentazione sana e di alta qualità dal punto di vista nutrizionale.
Nostrale Becco d’Oro di Raggio di Sole® è infatti il mangime completo ideale per le fasi di accrescimento e di ovodeposizione delle galline.

I membri del Club Italiano Razza Livorno (il socio Francesco Falleni, il segretario Giuseppe Chionetti e Mario Lupi, il promotore della biodiversità razza Livorno).
I membri del Club Italiano Razza Livorno (il socio Francesco Falleni, il segretario Giuseppe Chionetti e Mario Lupi, il promotore della biodiversità razza Livorno).

Le nuove galline, dopo un periodo di ambientamento di qualche giorno nella nuova casa all’interno del pollaio, saranno poi lasciate libere di pascolare all’interno del parco, insieme al gallo Renato, e potranno far ritorno al ricovero per mangiare, bere, deporre le uova e dormire.

Il taglio del nastro ad opera delle tre bambine, rappresentati della scuola media Bartalena di Livorno
Il taglio del nastro ad opera delle tre bambine, rappresentati della scuola media “Bartolena” di Livorno

All’inaugurazione, presenti anche tre giovanissime rappresentanti della Scuola Media Bartolena (accompagnate dall’insegnante Cristina Bitossi), che hanno tagliato il nastro augurale di accesso alla casetta e hanno rivelato a tutti il nome assegnato a ciascuna gallina, scelto attraverso confronti e votazioni avvenuti in classe nei giorni precedenti l’iniziativa.

Questa assegnazione di un nome è molto importante e significativa, in quanto segna il passaggio ad una nuova vita, una vita di ri-scoperta e tutela dell’identità di una razza, nonché delle galline in generale come animali domestici.

Le abitanti della casa delle galline livornesi in arrivo nella trasportina e pronte per essere messe nel pollaio.
Le abitanti della “casa delle galline livornesi” in arrivo nella trasportina e pronte per essere messe nel pollaio.

I tre nomi scelti sono tutti ispirati a inusuali nomi e ruoli di donna:

Corinna (gallina Livorno colorazione bianca): nome ispirato alla “sposa bianca” del libro autobiografico di Corinne Hofmann intitolato “Masai bianca”;

Il nome Corinna (per la gallina razza Livorno colorazione bianca, in mano alla Dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato).
Il nome Corinna (per la gallina razza Livorno colorazione bianca, in mano alla Dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato).

Argia (gallina Livorno colorazione nera): nome ispirato al pericoloso ragno, cugino della nota “vedova nera“, di cui si tramandano leggende e riti poi divenuti feste ricche di suoni, balli e colori;

Il nome Argia (per la gallina razza Livorno colorazione nera, in mano alla Dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato).
Il nome Argia (per la gallina razza Livorno colorazione nera, in mano alla Dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato).

Ugenia (gallina Livorno colorazione blu): nome ispirato a Eugenia, “figlia nubile” di Don Tritemio, nell’opera “Il filosofo di campagna” su libretto di Carlo Goldoni.

Il nome Argia (per la gallina razza Livorno colorazione blu, in mano alla Dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato).
Il nome Ugenia (per la gallina razza Livorno colorazione blu, in mano alla Dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato).
Le tre schede (gialla, verde, blu) con i tre nominativi e il contatto con le tre giovani rappresentanti.
Le tre schede (gialla, verde, blu) con i tre nominativi e il contatto con le tre giovani rappresentanti.

L’intervista a Giuseppe Chionetti, Segretario del Club Italiano Razza Livorno

Come è nata l’idea di realizzare un piccolo pollaio nello spazio pubblico dello splendido giardino della storica Villa Henderson?

L’idea mi era già nata con la costituzione del Club Italiano Razza Livorno ospitato nel Museo di Storia Naturale del Mediterraneo. Spesso mi sentivo chiedere da amici e conoscenti, che venivano, o avevano intenzione di venire a Livorno, dove potessero vedere delle galline livornesi; purtroppo dovevo rispondere loro che non c’era alcuna possibilità. Non senza imbarazzo, dovevo sentire la loro delusione e i commenti non benevoli sul fatto che la città di Livorno non sapesse valorizzare la razza avicola più famosa al mondo, mentre a Barneveld, in Olanda, a esiste il museo dell’omonima razza di gallina, la Barnevelder (conosciuta forse solo dagli addetti ai lavori): il Dutch Poultry Museum, che attira ogni anno migliaia di turisti. La città di Denizli, in Turchia ha saputo valorizzare l’omonimo gallo canterino (anche questa razza non è certamente conosciuta ai più) con due statue alte più di tre metri al centro di rotatorie nel centro città. Grazie all’impegno dei soci del Club abbiamo finalmente messo la prima pietra per recuperare il tempo perduto nella valorizzazione, anche turistica, di questa razza autoctona, che porta il nome della città.

I tanti curiosi che hanno partecipato all'inaugurazione
I tanti curiosi che hanno partecipato all’inaugurazione.

Con quali modalità avete pensato di gestire il pollaio (ubicazione, tipologia di alimentazione, spazi disponibili, ecc.) e chi se ne occuperà?
L’ubicazione del pollaio, modello “Livorno” dell’azienda “Il Verde Mondo”, è stata definita dalla direttrice del museo dott.ssa Anna Roselli insieme ai suoi collaboratori, in modo da garantire il massimo benessere delle galline. Il mangime per l’alimentazione dei tre esemplari è fornito gratuitamente dallo storico marchio “Raggio di Sole”. Il pollaio sarà gestito dal personale del museo con l’assistenza sia del Club Italiano Razza Livorno, sia del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa.

Mangiatoia a pedale nel pollaio
Mangiatoia a pedale nel pollaio (a marchio “Il Verde Mondo”).
Il mangime a marchio Raggio di Sole
Il mangime a marchio Raggio di Sole.

Gli esemplari di gallina livornese (oltre al gallo Renato) che popoleranno il pollaio da dove provengono e quale consiglio dareste ad altri eventuali soggetti interessati a reperire qualche avicolo per realizzare un piccolo pollaio con esemplari della razza Livorno (privati ma anche ad esempio agriturismi, scuole, altro…)?

Gli esemplari in purezza della razza Livorno sono stati dati in affidamento al Museo dal Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa con apposita convenzione.
Essi provengono dall’allevamento “Le Querciole” a San Piero a Grado, curato dalla ricercatrice Dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato. Chi desidera realizzare un piccolo pollaio domestico con esemplari in purezza della razza Livorno è bene si rivolga ad allevatori di una delle associazioni avicole aderenti alla Federazione Italiana Associazioni Avicole (FIAV) il cui elenco si può trovare sia sul sito del CIRLiv sia sul blog “Tutto Sulle Galline” nella sezione ALLEVATORI.

Il Campionato Nazionale della Razza Livorno che si terrà a novembre al Museo è un’ottima occasione di contatto con questi allevatori.

I primi passi delle tre galline nella nuova casa.
I “primi passi” delle tre galline nella nuova casa.

Il comunicato stampa dell’inaugurazione a firma del Club Italiano Razza Livorno

Il brindisi dopo il taglio del nastro
Il brindisi dopo il taglio del nastro.

Finalmente i livornesi e i turisti potranno ammirare, in un luogo aperto al pubblico, alcuni splendidi esemplari in purezza della razza avicola Livorno (gallina livornese), famosa in tutto il mondo sia per la sua bellezza (premio bellezza vinto dal gallo Arnaldo alla mostra triennale europea tenutasi a Metz in Francia nel 2015), sia per la sua capacità di depositare elevate quantità di uova, fino a 300 in un anno.

Sabato 2 marzo 2019 alle ore 10:30 sarà inaugurato, nella magnifica cornice del parco del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno, in un’area ombreggiata, idonea al benessere delle galline e all’accessibilità dei visitatori, una “casa delle galline livornesi” con tre esemplari in purezza di galline livornesi dalle diverse colorazioni.
Esse andranno a tenere compagnia a Renato, il gallo livornese dal piumaggio nero che nel novembre scorso (2018), in occasione del Primo Campionato Nazionale di Razza Livorno, “decise autonomamente” (scappando al proprio allevatore!) di stabilire la propria dimora nel parco del Museo.

La realizzazione del pollaio fa parte del progetto di ricerca sulla razza avicola Livorno, voluto e promosso dal Club Italiano Razza Livorno (presidente il dott. Corrado Minazza, responsabile scientifico per il progetto il giudice federale Andrea Corsi) in partenariato con il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo (direttrice la dott.ssa Anna Roselli, responsabile scientifico del progetto il dott. Antonio Borzatti de Loewenstern) della Provincia di Livorno e il Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa (direttore il prof. Domenico Cerri, responsabile scientifica del progetto la ricercatrice dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato), che presso la sede distaccata “Podere Le Querciole”, alleva per scopi didattici e di studio, una cinquantina di esemplari in purezza della razza Livorno.

Il Club Italiano Razza Livorno ha provveduto: al coordinamento delle attività, all’acquisizione e installazione del pollaio e agli adempimenti burocratici per la registrazione al servizio sanitario veterinario.
Il Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa affida al Museo tre esemplari femmine in purezza della razza Livorno con il piumaggio bianco, nero e blu; assiste dal punto di vista tecnico e scientifico il personale del Museo per la corretta gestione zootecnica dei soggetti in affidamento, raccoglie ed elabora per finalità didattiche e di studio i dati relativi alle loro abitudini di vita e alla deposizione delle uova.
Il Museo di Storia Naturale provvede a: gestire il pollaio, curando l’alimentazione delle galline e la raccolta delle uova; raccogliere e fornire al Dipartimento di Scienze Veterinarie i dati riferiti ai comportamenti dei soggetti in affidamento; organizzare per il mondo della scuola specifici percorsi didattici.

Collaborazioni

Collaborano al progetto: lo storico marchio di nutrizione animale Raggio di Sole che fornisce gratuitamente il mangime; l’azienda Il Verde Mondo produttrice di pollai per allevatori amatoriali e che per l’occasione ha creato, messo a catalogo e consegnato il pollaio modello “Livorno”; l’autorevole blog di riferimento per tutti gli allevatori avicoli italiani Tutto Sulle Galline.
I ragazzi della 2^A della scuola secondaria di 1° grado Giovanni Bartolena, che per l’evento “Orgoglio e identità della razza avicola Livorno” dello scorso anno avevano creato e si erano esibiti, sotto la guida dei loro docenti, nell’originale “Tarantella della gallina livornese”, hanno ricevuto l’incarico di dare un nome alle tre galline “universitarie”.

Gli stemmi sulla "Casa delle galline livornesi" (ancora da aggiungere il logo dell'Università di Pisa).
Gli stemmi sulla “Casa delle galline livornesi” (ancora da aggiungere il logo dell’Università di Pisa).

La gallina livornese è famosa in tutto il mondo con il nome Leghorn in quanto, nel decennio del 1830, alcuni esemplari furono imbarcati nel porto Livorno per giungere a Mystic (nel Cunnecticut), dove suscitarono subito l’attenzione degli allevatori per la loro bellezza, la loro rusticità e l’elevata produzione di uova, diffondendosi così in tutta l’America.

La razza Livorno fu accolta con entusiasmo anche in Gran Bretagna, tanto che nel 1876 nacque il “Leghorn Club”, il primo club di razza nella storia dell’avicoltura. In seguito gli avicoltori fondarono Club della gallina livornese un po’ in tutto il mondo. Il Club olandese, che lo scorso anno ha festeggiato i 100 anni, pubblica una rivista periodica dal titolo “De Leghorn”.
Nel decennio 1930 (un secolo dopo lo sbarco delle prime galline livornesi in America) i pregi ovaioli della razza Livorno furono finalmente valorizzati anche in Italia.
Il ministero dell’agricoltura dispose l’invio di galli Livorno bianchi (detti galli miglioratori) negli allevamenti rurali d’Italia, allo scopo di migliorare la produzione di uova nelle “figlie” delle galline locali. In pratica i galli Livorno si accoppiarono con le galline di ogni aia della nazione. Le informazioni del ministero ci dicono che l’operazione “gallo miglioratore” ebbe pieno successo: la produzione di uova nelle figlie delle galline locali migliorò in media del 51,4 %.

La fama universale del gallo Livorno ha avuto eco anche nei cartoni animati. La Warner Bros ha creato, nella serie Looney Tunes, il cartone animato del gallo Foghorn Leghorn. Personaggio ripreso anche dallo stilita Moschino che ha lanciato una serie di capi esclusivi con la riproduzione di questo gallo.

Il Club Italiano Razza Livorno (CIRLiv), con sede nel Museo di Storia Naturale del Mediterraneo, è nato solo alla fine del 2016 a cura di pochi volenterosi, che hanno ottenuto il riconoscimento ufficiale dalla Federazione Italiana Associazioni Avicole (FIAV).
Presidente del club è il dott. Corrado Minazza, vicepresidente la dott.ssa Margherita Marzoni Fecia di Cossato, segretario il dott. Giuseppe Chionetti, tesoriere Stefano Porzano, responsabile delle relazioni istituzionali il dott. Mario Lupi, responsabile attività logistiche Francesco Falleni.
La dott.ssa Margherita Marzoni ricercatrice del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Pisa è la responsabile dell’allevamento avicolo dell’Università nel podere “Le Querciole”, a S. Piero a Grado, un vero e proprio centro di eccellenza per la conservazione genetica della gallina livornese con circa 50 esemplari.

Nell’ultima rilevazione a livello nazionale degli allevamenti in purezza della razza Livorno nelle sue diverse colorazioni, sono stati individuati 102 allevamenti amatoriali. Grazie alle attività del Club, gli allevatori che a Livorno erano assenti, ad oggi se ne possono contare almeno 5, tra i quali anche l’assessore al turismo del Comune di Livorno, Francesco Belais.

Il primo campionato nazionale FIAV (Federazione Italiana Associazioni Avicole) della razza Livorno, si è tenuto dal 22 al 25 novembre 2018 integrato nell’evento “Orgoglio e identità della razza avicola Livorno”, organizzato dal “Club Italiano Razza Livorno” e dall’ ”Associazione per la tutela e valorizzazione della gallina livornese”, con l’obiettivo di divulgare e valorizzare la biodiversità di questa razza avicola autoctona e la qualità delle sue uova bianche, privilegiate da tanti chef stellati per la realizzazione delle loro sublimi ricette con le uova, e di promuovere l’allevamento amatoriale di questa splendida razza. L’evento e il campionato, hanno riscosso un notevole interesse, con una buona partecipazione di espositori e visitatori.

Quest’anno l’evento, con il secondo campionato nazionale di razza, si terrà sempre a novembre, ma in data ancora da definire, e sempre presso il Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno, e comprenderà un convegno sull’identità della gallina livornese, il contest “frittata d’autore” (rigorosamente con uova di gallina livornese) tra istituti alberghieri toscani e la mostra dei soggetti partecipanti al campionato nazionale.

Il gallo Renato
Il gallo Renato … pensieroso per le nuove arrivate.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome