Rimedi naturali per la cura e il benessere delle galline | Tuttosullegalline.it
Pollai in Legno e in Ferro, Avicoltura e Giardinaggio

Per garantire il benessere e la buona salute delle galline è importante che abbiano a disposizione un’area di terreno in cui poter razzolare, ampia almeno 10mq. per esemplare, aggiuntiva all’area di recinto-giardino del pollaio adibita a “lettiera permanente”.

Per quanto possibile sarebbe ottimale che quest’area di pascolo ad erbe spontanee fosse composta da strisce e aiuole di prato separate tra loro in modo tale che le galline possano razzolare lungo i bordi cercando insetti, invertebrati e altri piccoli animaletti.
La disponibilità di un pascolo-parchetto così inerbito garantisce la possibilità di accedere ad una naturale fonte proteica, determinante per una sana e corretta alimentazione delle nostre galline.

Altro elemento importante è l’effetto antistress dovuto al razzolare in prossimità del manto d’erba e al beccare le verdi piantine del prato (attività che previene addirittura fenomeni di pica e cannibalismo).

Garden path with chicken - Gustav Klimt
Garden path with chicken – Gustav Klimt

Ovviamente, maggiore sarà la disponibilità di spazio adibito a pascolo e maggiore sarà la ricchezza e la biodiversità proteica a disposizione di ogni gallina, e più in salute resterà il prato stesso; se fosse possibile, sarebbe ottimale mettere a disposizione di ogni animale il doppio dei 10 mq. minimi o procedere ad una rotazione periodica mensile dell’area di razzolamento (per un mese su 10 mq. e per il mese successivo su altri 10 mq.).

Nel caso di giusto rapporto tra numero di galline e superficie di pascolo disponibile, non si avranno problemi di manutenzione del prato, quali ad esempio: rinverdimento, concimazione, disinfestazione da malattie parassitarie o altro.

In alcuni casi potrebbe presentarsi il problema di un orto realizzato in prossimità del prato sul quale razzolano le galline; in tal caso sarà necessario realizzare dei sistemi di protezione (mobili o fissi) a difesa di verdure o ortaggi, che esercitano sugli avicoli un’attrazione fatale… (Due galline sono state capaci, in un pomeriggio, di fare piazza pulita di tutte le piante presenti su diversi metri quadri d’orto, facendo restare solo i gambi!)

Sistemi di contenimento delle galline per proteggere l'orto
Tunnel e sistemi di contenimento-orientamento delle nostre galline su particolari aree di prato.

Il prato di erbe spontanee del pascolo-parchetto

L’ideale sarebbe fornire alle nostre galline un prato di erbe spontanee selvatiche e rispettose della biodiversità della zona.

Le erbe spontanee costituiscono un’importante fonte di vitamine e carotenoidi e, benché il prato “non sia proteico di per se stesso”, è comunque in grado di richiamare insetti, invertebrati e altri piccoli animaletti che diventano, loro si, fonte di proteine.

Oltre a realizzare un prato come luogo attrattivo per gli insetti, potremmo anche collocare un hotel per insetti (bugs hotel) nei paraggi e inserire nell’area dei lombrichi di terra (come se volessimo allevarli in quanto produttori di humus e “bugs tracker”).

Ci piace immaginarci il nostro prato di erbe spontanee come un’equilibrio di biodiversità tutte in armonia l’una con l’altra e funzionali l’una all’altra.

Lombrico nel prato, pasto gustoso per le nostre galline
Lombrico nel prato.

Come realizzare il prato di erbe spontanee per il nostro pollaio (esempio pratico)

Qualora nell’area a nostra disposizione non ci fosse una prato di erbe spontanee possiamo procedere in due diversi modi, entrambi ottimali per i lavori di manutenzione primaverile del pollaio.

Attendiamo l’arrivo della  primavera e quando tutti i campi intorno a casa saranno fioriti (anche nelle aree a prato peri-urbane) procediamo come segue:

  • per prati di piccole dimensioni potremmo dotarci di buona volontà e andare in cerca di zolle di terra con piante spontanee di nostro particolare interesse (operazione fattibile fino a superfici di 10-20 mq.): in tal caso, una volta posizionate le zolle nell’area del pascolo-parchetto (lasciando anche degli spazi vuoti al fine di creare dei bordi, come abbiamo detto ad inizio articolo), potremmo poi tagliuzzare e spargere sul prato anche altre parti fiorite e ricche di semi, in modo da infittire il manto erboso con nuove germinature (le stesse galline, poi, provvederanno a lavorare il terreno e a concimarlo, contribuendo ulteriormente all’inerbimento del pascolo);
  • per prati di dimensioni più grandi potremmo riportare sull’area di pascolo il taglio di erbe spontanee fatto anche con tagliaerba o trattorini in aree prossime di nostra proprietà o (chiedendo preventivamente il consenso dei proprietari), su aree a prato spontaneo a noi vicine, in quanto, come è noto, l’erba del vicino è sempre più verde!).

Ecco qui di seguito il lavoro fatto da noi nel nostro piccolo spazio di terra disponibile.

La lavorazione del terreno dove realizzare il prato di erbe spontanee
La lavorazione del terreno dove realizzare il prato di erbe spontanee.
La raccolta delle erbe spontanee vicine a casa
La raccolta delle erbe spontanee vicine a casa.
Le zolle di erbe spontanee raccolte
Le zolle di erbe spontanee raccolte.
Le zolle di erbe spontanee raccolte
Le zolle di erbe spontanee raccolte (2),
Il prato di erbe spontanee "in costruzione"
Il prato di erbe spontanee “in costruzione”.
Il prato di erbe spontanee
Il prato di erbe spontanee “in costruzione”… ma già con un primo sopralluogo di esperte! 🙂
La fine lavori del prato di erbe spontanee
La fine lavori del prato di erbe spontanee (le esperte hanno approvato).

Le piante spontanee utilizzate per la realizzazione del nostro prato spontaneo

Tra le piante spontanee più adatte:

  • l’acetosella
  • le piantaggini
  • la silene
  • la sulla
  • il tarassaco
  • il terracrepolo
  • il trifoglio
  • la cicoria
Acetosella
Acetosella.
Piantaggine lanceolata
Piantaggine lanceolata.
Piantaggine barba di cappuccino
Piantaggine barba di cappuccino.
Radicchio (e crepidi)
Radicchio (e crepidi).
Silene
Silene.
Sulla
Sulla.
Tarassaco
Tarassaco.
Terracrepolo
Terracrepolo.
Trifoglio
Trifoglio.
Trifoglio
Trifoglio.

Altre piante spontanee che potrebbero arricchire il prato:

  • ortica
  • romice
  • aspraggine
  • malva
  • salvastrella
  • pisello
  • aglio orsino
  • aglio roseo
  • alium triquetum
  • anemone
  • borragine
  • borsa pastore
  • finocchio
Ortica
Ortica.
Romice
Romice.
Aspraggine
Aspraggine.
Malva
Malva.
Salvastrella
Salvastrella.
Pisello
Pisello.
Pisello
Pisello.
Aglio orsino
Aglio orsino.
Aglio roseo (con borragine)
Aglio roseo (con borragine).
Alium triquetum
Alium triquetum.
Anemone
Anemone.
Ranuncolo
Ranuncolo.
Borragine
Borragine.
Borsa pastore
Borsa pastore.
Finocchio
Finocchio.
Margherite (e composite)
Margherite (e composite).

Segnaliamo poi piante dalla nomenclatura avicola:

  • mordigallina
  • ornitogallo (latte di gallina)
Mordigallina
Mordigallina.
Ornitogallo (con Terracrepolo)
Ornitogallo (con Terracrepolo).

Tra le piante da eliminare o tenere sotto controllo (considerando comunque che le nostre galline sapranno sceglierle):

  • brionia
  • luppolo
  • erba morella
  • dulcamara

Video di galline ruspanti su prati di erbe spontanee

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here