Il pollaio domestico: dove e come realizzarlo | TuttoSulleGalline.it

Avete appena avuto l’impulso di realizzare il vostro pollaio domestico… tutto è chiaro nella vostra testa… è forte il desiderio di avere al vostro fianco delle ottime galline ovaiole che possano produrre ogni giorno uova fresche di qualità per squisite ricette, contribuendo anche allo smaltimento degli scarti alimentari della vostra tavola.

Presa dunque questa decisione la prima verifica da fare è la disponibilità dello spazio idoneo alla realizzazione del vostro pollaio. Fatta questa verifica sarà poi possibile sbizzarrirsi nella progettazione del pollaio che potrà essere costruito sia assemblando i kit prefabbricati in commercio, sia procedendo all’autocostruzione di strutture originali.

L’area necessaria è da valutare in funzione del numero minimo di galline che si vorrebbero allevare, o viceversa, sarà lo spazio disponibile a definire il numero massimo di galline allevabili.

Recinzione dell’area del pollaio

In primo luogo c’è da tener presente che tutta l’area andrà opportunamente recintata, sia per evitare il fenomeno “galline in fuga” che potrebbero rischiare di trovarsi in situazioni di pericolo (cani o altri predatori … o incidenti automobilistici).
Attenzione: le galline sono in grado di compiere salti molto alti e in alcuni casi dei veri e propri piccoli voli (a meno che non procediate al taglio delle penne delle ali); la recinzione dovrà quindi essere sufficientemente alta o, ancora meglio, chiusa anche sul lato top. Nel caso in cui nella zona ci sia la presenza di predatori quali volpi, donnole, o simili, si consiglia caldamente di interrare una rete metallica a maglie finissime per almeno 30/40 centimetri.

Gli spazi chiusi e aperti del pollaio

Una volta individuata l’area recintabile c’è da tener presente questo primo criterio: all’interno del pollaio andrà realizzato uno spazio chiuso (ad uso posatoio e ricovero notturno e riparo dalle intemperie) e uno spazio aperto (ad uso razzolatoio e “centro benessere”). Indicativamente lo spazio aperto deve essere almeno il doppio dello spazio chiuso.

Lo spazio aperto dovrà prevedere una superficie di almeno 4 m2 per ogni gallina; in questa area dovremo tener conto che le galline dovranno poter razzolare, becchettare, sgrattare e ricercare cibo, pietrisco, insetti, vermi ed erba (a garanzia del loro benessere e quindi della qualità nutrizionale delle uova). L’ideale sarebbe riuscire ad individuare in questo spazio sia aree d’ombra (magari di siepi o alberi) sia aree in pieno sole in cui realizzare “i bagni di sabbia”.

La casina

Individuato lo spazio basterà poi collocare al suo interno la struttura in legno (o altro materiale) tenendo conto che andrà ancorata bene al terreno, che dovrà essere resistente alle intemperie e che dovrà essere semplice da pulire facilitandoci la presa delle uova deposte; in tal senso sarà importante scegliere bene la collocazione della “casina” all’interno dell’area recintata.

Esempi di Pollai e Casine in Legno per Galline

Su internet si trovano moltissimi kit per la costruzione di gabbie e pollai; noi stessi abbiamo acquistato la casina in legno per le nostre galline su Amazon; ce ne sono per tutti i gusti e per ogni esigenza… provate a dare un’occhiata qui!

Come esempio ne abbiamo scelti 5 che vi proponiamo qua sotto; la nostra esperienza è positivissima: abbiamo la casina in legno per le nostre due galline da molti anni ed è sempre in perfette condizioni!

1. Pollaio Imperial Wentworth (più info)

pollaio imperial wentworth

2. Grande Pollaio e corsa – WINDSOR L IT (più info)

grande pollaio windsor

3. Gabbia per gallina all’aperto in legno (più info)

Gabbia per gallina

4. Casina per galline in legno con porte (più info)

casina per galline in legno con porte

5. Pollaio grande per galline con recinto (più info)

Pollaio grande per galline con recinto

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here