Galline mangiano le loro uova: perchè lo fanno e come evitarlo | TuttoSulleGalline.it
Pollai, Recinzioni e tutti gli Accessori, per il benessere delle tue galline
Alimentazione per Galline ovaiole e animali da cortile | Raggio di Sole

Trovato il giusto posto nel giardino dove collocare il pollaio domestico, lo abbiamo popolato con le nostre galline ovaiole, in modo così da poter essere autosufficienti per l’approvvigionamento di uova, elemento nutritivo dalle proprietà eccezionali e assai gustoso, da utilizzare come base per tante e svariate ricette.

Un giorno però ci accorgiamo malauguratamente che una o più delle nostre galline mangiano le uova appena deposte. Aiuto! Come mai lo fanno e soprattutto, come possiamo evitare che ciò avvenga? Niente panico e andiamo per gradi.

Perchè le galline mangiano le proprie uova?

Di solito la spiegazione di questo apparentemente strano comportamento, denominato ovofagia, è in realtà molto semplice: la gallina ha rotto inavvertitamente l’uovo ed essendo assai curiosa, durante il sopralluogo ravvicinato per controllare che cosa sia successo, le è capitato di assaggiarne il contenuto, trovandolo ovviamente molto gustoso e saporito.

Essendo la gallina oltre che curiosa, anche un animale molto intelligente, fa molto in fretta a capire che quel liquido così buono si trova dentro a quelle piccole sfere un po’ allungate, dal guscio calcareo e duro ma non abbastanza per resistere agli urti del suo forte becco.

In pochissimo tempo anche le altre galline del pollaio, per imitazione, sapranno fare altrettanto, e se non si interviene immediatamente, sarà anche un’abitudine molto difficile da estirpare. Una bella frittata davvero! Ma come risolvere?

Come evitare che le galline mangino le proprie uova (ovofagia)

In quanto proprietari e gestori del pollaio, possiamo agire su tre direttive principali:

  1. assicurarci di fornire alle nostre galline una dieta sana, completa e nutriente, in modo che depongano uova dal guscio robusto;
  2. assicurarci che lo spazio di deposizione sia ampio e confortevole;
  3. isolare le galline che abbiano manifestato questo comportamento.

1. Assicurarci di fornire alle nostre galline una dieta sana e completa.

Alimentazione sana delle galline per uova dal guscio duro | TuttoSulleGalline.it

Questo è un fattore molto importante. Può capitare infatti di accorgerci, andando a prendere le uova nel pollaio, che anche al tatto alcune abbiano un guscio molto più morbido delle altre. Questo campanello di allarme deve subito farci capire che una o più delle nostre galline non sta avendo una giusta dieta.

Il regime alimentare migliore per le galline ovaiole è quello che prevede almeno un 16% di proteine e che sia ricco anche di vitamine e nutrienti, senza dimenticare un contenuto elevato di grassi e proteine vegetali. Inoltre è bene ricordare che gli amidi provenienti dagli scarti della nostra cucina, quando vengono somministrati alle galline devono essere sempre accompagnati anche da una certa dose di proteine aggiuntive, in modo da mantenere la dieta ben bilanciata.

Se, nonostante un’alimentazione completa ti accorgi che i gusci delle uova deposte sono ancora abbastanza fragili, ciò significa che c’è carenza di calcio e allora è necessario aggiungerlo con degli integratori.

La carenza di calcio è doppiamente pericolosa nel caso di galline che mangiano le proprie uova in quanto, da una parte, fa deporre loro uova molto fragili con alta probabilità di rompersi, e dall’altra, la gallina trova proprio nel guscio rotto quella miniera di calcio di cui è carente e del quale sente il bisogno. Proprio questa necessità la spingerà in modo ancora più vorace a cibarsi delle proprie uova.

E’ possibile offrire del calcio alle nostre galline in svariati modi:

  • triturare dei gusci di ostrica o mischiare del calcare apposito nel mangime (non è indicato usare a questo scopo i gusci sminuzzati delle loro uova in quanto, per odore o altre caratteristiche potrebbero arrivare a riconoscerle; se proprio volete utilizzarle allora trituratele molto finemente e mischiatele bene con altre sostanze);
  • offrire alle galline anche un piatto di latte intero ogni giorno per un certo periodo di tempo, in modo che possano aumentare la quantità di calcio assimilata;
  • è raccomandabile assicurare alle galline un maggior apporto di integratori di calcio durante la stagione estiva perché con il caldo diminuisce la facoltà del loro organismo di assimilare tale sostanza;
  • assicurarsi che le galline abbiano sempre a disposizione molto acqua in quanto ne hanno veramente molto bisogno, più degli altri volatili, e una sua mancanza potrebbe indurle ad andare a ricercare liquidi dentro le uova.

2. Assicurarci che lo spazio di deposizione sia ampio e confortevole.

Nido per la deposizione delle uova spazioso | TuttoSulleGalline.it

In sostanza, bisogna ridurre al minimo la probabilità che si creino presupposti pericolosi per l’incolumità delle uova. Se la zona di deposizione è troppo piccola o affollata è facile che un uovo possa essere urtato, schiacciato o spinto, con conseguente rottura dello stesso. Se nella zona di deposizione transitano o sostano troppe galline una vicina all’altra può darsi che qualcuna vada “sotto stress” (come accade purtroppo a tutte quelle povere galline che vivono nei pollai intensivi dentro alle gabbie) e che quindi cominci a beccare tutto ciò che le sta intorno, compreso l’uovo.

In tutte le situazioni sopra descritte è dunque più probabile che qualche uovo si rompa e che le galline ne assaggino il contenuto; per evitare questo, è necessario:

  • collocare i nidi di deposizione almeno a 60 centimetri dal suolo del pollaio e almeno ad un metro circa dai posatoi;
  • adibire un’altra zona di deposizione per le galline che sono propense alla cova dell’uovo (in modo che non occupino gli spazi delle altre per lungo tempo);
  • prendere in considerazione se non sia il caso di installare nel pollaio un sistema che faccia rotolare via l’uovo non appena la gallina si alza dalla deposizione;
  • evitare che l’area di deposizione sia in una zona di piena luce o direttamente esposta ai raggi solari; alle galline non piace la luce intensa e questa potrebbe causarle stress portandola poi a beccare l’uovo. Meglio dunque un posto riparato e in penombra, per farle stare al meglio e tranquille.
  • evitare che l’area di deposizione sia vicina a fonti di rumore intenso o in cui ci sia molto movimento in quanto le galline si spaventano facilmente e per scappare potrebbero inavvertitamente rompere le uova;
  • controllare sempre che il nido di deposizione sia morbido a sufficienza, con diversi centimetri di paglia o altro materiale simile (il morbido attutisce gli urti);
  • evitare che le nostre galline si annoino; può sembrare uno scherzo ma invece una gallina annoiata può cadere facilmente sotto stress e dunque beccare l’uovo. Per evitare che le galline cadano preda della noia è necessario dare loro molto spazio per muoversi e utilizzare anche altri espedienti come inserire all’interno del loro perimetro tronchi di legno, arbusti, scalette, mucchi di fieno o foglie; tutti “attrezzi” che le terranno impegnate nell’arco della giornata.

3. Isolare le galline che hanno manifestato il comportamento di mangiare le proprie uova.

Isolare la galline che mangia le proprie uova | TuttoSulleGalline.it

Se ci accorgiamo di alcuni residui di uovo rotto nel pollaio dobbiamo prima di tutto pulire immediatamente e rimuovere a fondo ogni traccia, in modo da ridurre al minimo la possibilità che se ne cibino ancora e poi cercare di rintracciare ed isolare il prima possibile la gallina (o le galline) responsabile del misfatto.

Alcuni indizi che potrebbero metterci sulla buona strada per individuare quale esemplare stia già percorrendo questa “cattiva abitudine” sono la presenza di tuorlo secco sul becco o ai lati della testa, oppure se notiamo che con frequenza va a razzolare nella zona di deposizione delle uova. Intercettata la “colpevole” è necessario isolarla immediatamente dal gruppo affinché non faccia proseliti e già questa azione di isolamento, per le galline assai sconvolgente, dovrebbe bastare ad interrompere questo vizio.

Inoltre è buona prassi recarsi a ritirare le uova dal pollaio il prima possibile (solitamente, già prima delle 10 del mattino la maggior parte delle galline dovrebbe aver deposto l’uovo), in modo da ridurre al minimo la co-permanenza uovo/gallina all’interno del loro spazio vitale.

E se anche tutto ciò non funziona?

Beh, se anche con tutti questi espedienti le vostre galline continuano a mangiare le uova… sottoponetele ad un esorcismo per liberarle dal demone mangia-uovo!! 🙂

A parte gli scherzi, se anche con tutte queste accortezze vi capita di trovare un uovo rotto nel pollaio, potete provare a sostituire le uova vere con delle uova finte o sassi dipinti; una volta prelevato l’uovo deposto lo sostituite con uno finto in modo tale che la gallina, beccandolo, si convincerà che non è edibile!
E’ anche possibile giocare loro un piccolo scherzetto, e riempire un uovo vero di senape! Le galline odiano la senape e in breve tempo smetteranno di cercarlo e beccarlo.

A voi è mai capitato nulla del genere? Avete altri suggerimenti su come impedire alle galline di mangiare le proprie uova? Se si, condividetelo con tutti noi nei commenti qui sotto!

Tutto per le tue Galline, gli Animali da cortile e il Giardino a prezzi scontati
CONDIVIDI
Articolo precedenteUova ripiene di Halloween
Prossimo articoloMonique, la gallina che fa il giro del mondo in barca a vela!

La Redazione del portale Tuttosullegalline.it nasce dall’unione, su un progetto condiviso, di persone dalle diverse professionalità ma unite dall’amore e dalla simpatia per tutto ciò che riguarda il mondo di questo fantastico animale che è la GALLINA. Ma non solo.

Amore e interesse che si allargano anche al vivere bene, al mangiare sano, allo stare a contatto con la natura e in generale con le cose genuine della vita!

Se sei interessato ad entrare a far parte della Redazione o a collaborare con noi, anche solo su specifici aspetti, contattaci al nostro indirizzo redazione@tuttosullegalline.it e saremo ben lieti di scambiare quattro chiacchere con te per verificare la fattibilità della tua proposta.
Gli argomenti che trattiamo sono quelli che trovi illustrati nelle categorie del sito: News e Curiosità sulle galline, il Pollaio, Ricette con le Uova, le Razze di Galline, la Gallina nella Storia e nella Cultura, Video Divertenti sulle Galline e infine la sezione Shop dove potete trovare pollai da giardino in legno, pollai in ferro, casette per galline di ogni tipo e per ogni necessità, recinzioni, voliere; tutto per l’avicoltura ma anche per l’orto e il giardinaggio. Infine, se sei un allevatore avicolo puoi inserire la tua attività in modo totalmente gratuito nell’apposita sezione dedicata alla raccolta di schede informative dedicati agli allevatori di galline (amatoriale o professionali).
Un saluto a tutti! ————————-[Questo sito non costituisce testata giornalistica e non ha carattere periodico essendo aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.]

2 Commenti

  1. Mio nonno aveva una soluzione molto rapida e veloce senza step intermedi. Prendeva le galline una ad una e tagliava la parte finale del becco.

    • Salve Michele e grazie per della sua testimonianza. La pratica del taglio della punta del becco, che oggi viene utilizzata anche negli allevamenti intensivi per evitare che le galline stressate si becchino tra di loro, risulta però assai dolorosa per la gallina che la subisce e dunque, se possibile, il nostro consiglio è quello di tentare tutte le altre vie possibili (e indolori per l’animale) per cercare di ostacolare l’ovofagia.
      Grazie ancora, un cordiale saluto e buona giornata!

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome