L'uomo-gallina che cova le uova: la performance Egg di Abraham Poincheval | Tuttosullegalline.it
Alimentazione per Galline ovaiole e animali da cortile | Raggio di Sole

Abraham Poincheval l’eccentrico artista-performer francese si cimenta in una nuova impresa delle sue. Dal 29 Marzo 2017 fino al momento della schiusa (circa 3 settimane; tra i 21 e i 26 giorni, il tempo necessario perché dalle uova escano i pulcini) la sua performance di arte contemporanea consisterà nel covare uova di gallina.

L’idea di fondo che ha spinto Poincheval a cimentarsi in questa performance è quella di esplorare cosa significhino tempo e spazio per altre specie animali.

Questa “azione artistica” si intitola “Egg” e forse è stata ispirata dall’immagine dell’uomo gallo o anche della donna uovo-pulcino! Lui stesso ha riferito: “Voglio diventare, in senso lato, una gallina”.

Costume vintage: l'uomo gallo
Costume vintage: l’uomo gallo.
Costume vintage: donna uovo o donna pulcino
Costume vintage: donna uovo o donna pulcino.

La performance è stata allestita all’interno di un’apposita teca di vetro (una sorta di terrario) esposta al Palais de Tokyo di Parigi (Paris Modern Art).

Poincheval vivrà all’interno di questa teca seduto su una sedia che ha un contenitore integrato, all’interno del quale sono custodite 10 uova, e avvolto da una particolare coperta isolante per tenere alta la temperatura del suo corpo (disegnata dall’artista coreano Seglui Lee). All’interno della teca avrà a sua disposizione apposite scorte alimentari (studiate appositamente per generare calore corporeo, in modo tale da simulare la temperatura delle galline durante la cova naturale che garantisce alle uova una temperatura di 37°) e tutto il necessario per i propri bisogni fisiologici (ovvero non uscirà dalla teca neppure per fare pipì).

Così come fanno le galline, Poincheval si allontanerà dalle uova solamente per 30 minuti al giorno… Le galline infatti, in quella mezz’ora di “libertà”, mangiano, bevono, fanno le loro deiezioni e fanno il bagno di sabbia.

La performance di Abraham Poincheval al Palais de Tokyo di Parigi (Paris Modern Art)
La performance di Abraham Poincheval al Palais de Tokyo di Parigi (Paris Modern Art)

Solo se le condizioni di temperatura ed umidità riusciranno ad essere esattamente identiche alle condizioni di cova naturale (riprodotte di fatto dalle incubatrici artificiali), la performance avrà possibilità di andare a buon fine, ma questo è veramente molto difficile.

Per incrementare le chance di successo, sarebbe molto importante che Poincheval provvedesse anche a muovere di posto e roteare regolarmente le uova così come fanno le galline, che pur apparentemente ferme, nel covare “nuotano” costantemente con le zampe girando le uova in funzione della necessità di distribuzione del calore. Dalle immagini dal vivo sembrerebbe però proprio che questa importante azione non sia eseguita, e quindi, molto probabilmente, anche per questa ragione la performance non andrà a buon fine.

Infatti, per gli esperti del settore avicolo, più che una performance artistica è considerata una “bravata” che potrebbe impedire agli embrioni di diventare pulcini sani e pienamente formati. R. Michael Hulet, professore associato di scienze animali alla Penn State University, a proposito di ciò ha dichiarato: “Gli esseri umani, infatti, hanno temperature corporee inferiori rispetto ai polli e le uova che vengono incubate a basse temperature tipicamente portano alla nascita di pulcini che crescono in modo anomalo o muoiono presto”.

Dal nostro punto di vista, non possiamo che sperare che siano uova non fecondate (perché la probabilità di successo sembra davvero molto bassa) e che questa performance possa solo servire a mettere in luce la difficile impresa che si nasconde dietro alla cova naturale, forse dai più interpretata come un’attività quasi banale, ma che di fatto è un processo alchemico e un “miracolo della vita”.

Visto che l’idea di fondo della performance di Poincheval è quella di esplorare cosa significhino tempo e spazio per altre specie animali, speriamo riesca ad esplorarla (e a farcela esplorare) senza che ci siano conseguenze dolorose per nessuno.

La performance “Egg” di Abraham Poincheval

La performance “Egg” dal vivo

 

Le altre performance artistiche di Abraham Poincheval

Poincheval è un artista già reso noto al grande pubblico dalle sue precedenti performance:

  • una settimana in un buco sotto terra [2012];
  • due settimane di vita all’interno della pancia di un orso imbalsamato mangiando bacche, miele, vermi e scarafaggi (come l’orso) [Marzo 2014];
  • l’attraversamento del Rodano in una bottiglia di plastica [estate 2015];
  • una settimana su una piattaforma a 18 metri d’altezza di fronte alla stazione ferroviaria Gare de Lyon a Parigi [Settembre 2016];
  • un’intera settimana trascorsa seduto all’interno di una roccia di 12 tonnellate [dal 22 febbraio al 1 marzo 2017].
Poincheval nella performance Dentro la pancia di un orso
Poincheval nella performance “Dentro la pancia di un orso”
Poincheval nella bottiglia sul Rodano
Poincheval nella bottiglia sul Rodano
Poincheval sulla piattaforma a 18 metri di altezza
Poincheval sulla piattaforma a 18 metri di altezza.
Poincheval nella roccia
Poincheval nella roccia.

I video delle altre performance di Poincheval

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here